Bosco verticale :: finalmente un progetto italiano @Boeri Studio

Dopo la posa dell’antenna di 78 metri è a Milano il grattacielo piu’ alto d’Italia ed è la Torre Garibaldi, con i suoi 230 metri e fa parte del centro direzionale di Porta Nuova.

Che c’è di green?…nulla direi.

Ma manca poco (due tre anni), sempre nel medesimo centro direzionale, al varo del Bosco Verticale a Milano. Si tratta di un grattacielo ideato dall’architetto Stefano Boeri e questo è si green.

Bosco Verticale è un progetto di rimboschimento metropolitana che contribuisce alla rigenerazione dell’ambiente e della biodiversità urbana, senza necessità di espansione della città sul territorio. Bosco Verticale è un modello di densificazione verticale della natura all’interno della città.

Il primo esempio di Bosco Verticale comprenderà da due torri residenziali di 110 e 76 metri di altezza e sarà realizzato nel centro di Milano, ai margini del quartiere Isola, e ospiterà 900 piante (ciascuno dei quali misura 3, 6 o 9 m di altezza) oltre ad una vasta gamma di arbusti e piante floreali.

Su terreno pianeggiante, ogni Bosco Verticale è pari, nella quantità di alberi, ad un’area pari a 10.000 mq di foresta. In termini di densificazione urbana l’equivalente di una zona di abitazioni unifamiliari di circa 50.000 mq.

“Bosco Verticale è un sistema che ottimizza, recupera e produce energia. Il Bosco Verticale aiuta a costruire un microclima e a filtrare le polveri sottili nell’ambiente urbano. La diversità delle piante e le loro caratteristiche producono umidità, assorbono CO2 e polveri, producono ossigeno, proteggono dall’irraggiamento e dalla polluzione acustica, migliorando il comfort dell’abitare e risparmiando energia.”

Informazioni sul progetto

ubicazione: Milano, Italia

commissione:

anno: 2007 (in corso)

cliente: Hines Italia

Area di costruzione: 40.000 mq

bilancio: 65.000.000,00 €

Be qui i consulenti di green marketing sono stati davvero bravi: mi piacerebbe conoscerli.

Se avete dei contatti…

Tutte le immagini © Boeri Studio

Video a che punto siamo

video intervista a boeri

le tonalità del verde :: green sex e coca cola

Mi capita sempre più spesso di vedere realizzate strategie di marketing green confinate tra due opposti…per essere green devo essere duro e puro fino alla fine, non comunico e lavoro su tutti gli aspetti interni ed esterni (dai processi alla logistica, al green procurement, alla mobilità e alla formazione) oppure faccio alcune attività per migliorare la sostenibilità e lo comunico. Non intendo fare green washing solo rendere edotto il pubblico, il consumatore sulle mie attività green.

Di solito le due tipologie di azienda hanno caratteristiche molto diverse: una più tecnica e l’altra commerciale (salvo illustri eccezioni cfr. post su Ikea).

Certo fare informazione e cambiare il mondo è un’altra cosa…ma solo le major se lo possono permettere.

Ciò che intendo dire è che le tonalità di verde sono molte. E ognuno deve trovare la sua via a seconda della sua convinzione, del livello di maturità del mercato e dei prodotti che commercializza. Ci sono matrici e studi che permettono di individuare le strategie da seguire e alcuni di questi ve li suggerirò nei prossimi post (green marketing manifesto è stato ampiamente citato).

Ho individuato due video simpatici che esprimono in parte ciò che voglio dirvi.

Uno è la provocazione vera…non promuove un prodotto ma la radicalità di una donna green che si concede salvo avere la sicurezza del reale credo ambientale del partner.

In questo caso la provocazione riguarda il credo…pur di essere radicali si è pronti a rinunciare a qualcosa.

l’altra è Coca Cola…anche questa case history meriterebbe plurimi post viste le molteplici attività che svolge nell’ambito della sostenibilità.

Ma questa è una comunicazione particolare che in qualche modo riguarda i processi più che l’appeal del prodotto, senza perdere valori e call to action da parte del cliente….bravi.

a risentirci…

International Utilities and Energy Conference 2011 :: Amsterdam :: 11 aprile

La visione di Accenture sul futuro dell’energia…con la partecipazione di Jeremy Rifkin…

According to best-selling business author Jeremy Rifkin, “We are at the end game of the
oil and gas era,” and on the edge of a third industrial revolution.

https://microsite.accenture.com/iuec/Documents/Accenture_IUEC2011_DailySummary_April11.pdf

Guardandoci intorno…

Lo scorso weekend è stato ricco di proposte dal mondo green, così abbiamo deciso di visitare anche “Fà la cosa giusta!”, la fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili organizzato da Terre di Mezzo Eventi. Dalla prima edizione nel 2004, questo evento ha richiamato l’attenzione di un numero sempre maggiore di persone e di realtà produttive interessate ad un percorso di sostenibilità ambientale e responsabilità sociale, trattando argomenti diversi quali critical fashion, turismo solidale, agricoltura biologica, commercio equo solidale ed eco-prodotti. Il tema principe dell’evento era però il cibo, riassunto nello slogan Parla come Mangi.

La fiera era sviluppata in due grandi saloni, ricchi di numerosi stand di piccoli espositori venuti a lanciare un messaggio di solidarietà, sostenibilità e creatività. Benché si avvertisse un certo livello di confusione a livello di immagine, l’evento è stato arricchito dai vari dibattiti e dall’entusiasmo dei partecipanti.

I visitatori erano numerosi, con un’alta percentuale di giovani e  studenti, ma anche di giornalisti e cittadini attenti ai temi riguardanti l’economia solidale.

Rimane una sensazione di fondo…per diventare bello e appeal il verde deve ancora percorrere tanta strada.

World Water Day: opportunità per migliorare

Anche quest’anno il 22 marzo è arrivato: una data che dal 1992 è diventata un richiamo all’attenzione della gente sulla situazione idrica nel mondo.

La Giornata mondiale dell’acqua è un’iniziativa nata dalla Conferenza sull’Ambiente e lo Sviluppo delle Nazioni Unite, ed ogni anno si prefigge di mettere in evidenza un aspetto particolare riguardante questo bene prezioso. Se il tema del 2010 era “la qualità dell’acqua”, quello di quest’anno è  “acqua e urbanizzazione”: lo scopo è quello si riflettere sull’importanza dell’ acqua a fronte dell’aumento della popolazione mondiale presente e futura.  

Per l’occasione sono stati organizzati eventi in tutto il mondo, dall’evento principale, al Cape Town International Conference center, in cui diverse organizzazioni ed aziende hanno presentato le loro attività riguardanti l’evento, a tante altre iniziative in tutto il mondo, conferenze, concerti, giochi e presentazioni, mappate sul sito http://www.worldwaterday2011.org/

Lo slogan di quest’anno è “Water for cities: responding to the urban water challenge” ed il messaggio comunicativo ha come scopo principale quello di spingere i governi e l’opinione pubblica ad affrontare la sfida dell’approvvigionamento dell’acqua urbana, di facilitare il dialogo e l’attuazione di partnership per migliorare i servizi di rifornimento di acqua, e di promuovere soluzioni per un’acqua sicura per tutti.

In Italia, in occasione della Giornata sono state fornite statistiche dall’Istat, riguardanti l’uso delle acque urbane. I dati fotografano una situazione critica: l’acqua prelevata ammonta a circa 152 metri cubi per abitante, una cifra che supera nettamente la Spagna, il Regno Unito e la Germania. Non solo utilizziamo una grande quantità di acqua potabile, ma i numeri sono addirittura in aumento: nel 2008 abbiamo consumato  9,1 miliardi di metri cubi, l’1,7% in più rispetto al 2005 e il 2,6% in più dal 1999. Le regioni che immettono nelle reti comunali più acqua potabile per abitante sono Valle d’Aosta e Lazio (182 e 172 metri cubi per abitante). Umbria e Marche, con poco più di 100 metri cubi per abitante, sono quelle che ne immettono meno.

A fronte della nostra situazione locale, la Giornata Mondiale dell’Acqua deve quindi diventare non solo un momento di riflessione e presa di coscienza, ma soprattutto uno stimolo per agire subito, sia nei piccoli gesti di tutti i giorni, sia nell’affrontare i grandi problemi e sprechi della nostra società.