Settimana della comunicazione :: Responsabilità sostenibile

Oggi sono stato all’evento sulla responsabilità sostenibile organizzato da ADC group ai Frigoriferi Milanesi, che si svolge all’interno della settimana della comunicazione.

L’incontro si poneva l’obiettivo di rispondere ad alcune domande interessanti: Cosa significa essere un’azienda responsabile e come si comunica questo impegno nella maniera più efficace? Con che mezzi e con quali rischi?

Per i pigri della lettura o per sfruttare i piani di lettura, vi anticipo che emerge un quadro in cui le aziende fanno ancora molto green washing, ci sono sforzi e passi avanti delle major soprattutto nel retail, i clienti malgrado esprimano preferenza per il green hanno ancora difficoltà a superare il premium price. Sulla comunicazione le agenzie devono fare la loro parte.

L’evento è stato moderato dal presidente di ADC group Salvatore Sagone. Ottimo speaker che ha contribuito a rendere il discorso più fluente e chiaro.

Primo ad intervenire è stato Sergio Tonfi – Brando Comunication manager di Philips che è intervenuto sul ruolo delle CSR all’interno della strategia del gruppo. Chiarendo dapprima che esiste un contesto in cui esiste una spinta da parte delle persone e delle istituzioni a muoversi sulle tematiche della CSR, nel suo intervento ha dimostrato come per Philips fosse quasi una scelta obbligata. Fin dal 1891 data della fondazione il gruppo aveva espresso già un impegno verso le tematiche di responsabilità sociale, specialmente riguardo al trattamento dei lavoratori. Ma nel tempo le cose non sono cambiate: ora non è più possibile fare produzione senza responsabilità ambientale. Attualmente accanto alle campagne stanno appoggiando la campagna del Nastro rosa per la prevenzione del tumore al seno. Sempre in questi giorni hanno lanciato Switch to Green che è un progetto movi&co nato in collaborazione con La Settimana della Comunicazione e con il sostegno appunto di Philips.

Philips è quotidianamente impegnata a ridurre l’impatto ambientale in tutti i settori in cui opera e ha sviluppato processi di business centrati sull’obiettivo di rendere il nostro pianeta, un luogo migliore in cui vivere affrontando con determinazione le grandi sfide globali (come quella energetica) che ci attendono.
Philips ribadisce l’impegno per un approccio alla crescita sostenibile in tutti i settori in cui opera: Healthcare, Lighting e Consumer Lifestyle.

E’ stato chiesto poi a Tonfi se esistono risultati positivi su queste iniziative. La considerazione che ne è emersa è che non esistono prove che il cliente finale sia più propenso ad acquistare l’alternativa green rispetto a quella grey. Di fatto ancora il premium price è ancora mal digerito dal cittadino che se di fatto dichiara di volere il prodotto green poi ha difficoltà ad acquistarlo veramente.

Altri interventi interessanti da parte di

Maurizio Nasi – Comunication strategist di Clownfish (gruppo Aegis media italia)

Rossella Sobrero – Presidente di Koinetica

Enrico Morandi – CEO Vita Consulting

Maurilio Brini – Direttore generale di Altavia Every

Nella tavola rotonda è emerso poi che ci sono atteggiamenti positivi verso la CSR. Ma è necessario introdurre nuove modalità attraverso modernità, tecnologia e design.

Sarebbe opportuno che la figura del CSR venisse addirittura eliminata integrando le strategie di responsabilità all’interno della divisione marketing….evviva il green marketing!

E’ inoltre emersa la necessità di coinvolgere il consumatore nella conoscenza delle tematiche più rilevanti della sostenibilità e nella creazione di prodotti green.

Resta molto da fare e anche le agenzie e i consulenti della comunicazione devono giocare il proprio ruolo anche superando scorciatoie comode (testimonial) e affrontando seriamente l’aspetto strategico dello “switching to green”.

A mio parere se devo esprimere un giudizio conclusivo l’evento ha risposto solo in parte alle domande che si poneva.

Per finire bella location… ma audio da sistemare…