MINI GUIDA PER MAMME ECO –CHIC!

Oggi posto un articolo scritto dagli amici di Puraction, in particolare Angela Maria Racca che ringrazio.

 

GRAVIDANZA

Durante la gravidanza con vi fate prendere dalla smania di fare acquisti inutili, a meno di eventuali esigenze di lavoro che richiedono un abbigliamento formale: in caso siate costrette ad indossare un tailleur, basta acquistare un pantalone nero che si adatti alle giacche dei tailleur che già possedete e sostituire negli ultimi mesi di gravidanza la camicia con una blusa di tessuto morbido drappeggiata sulla pancia.

Prima di tutto indosserete i vs. abiti normali almeno fino al quarto mese se non oltre (i jeans a vita bassa con una maglia più lunga si possono portare con la cerniera aperta senza che nessuno se ne accorga…); inoltre la moda attuale che ha riportato in auge i leggings (i cari pantacollants degli anni ’80) consente di utilizzare maglioni, camicie e magliette più larghe e lunghe già nell’armadio o prese in prestito dal proprio compagno, da arricchire con collane etniche, colorate, o comunque fashion, o con sciarpe drappeggiate al collo. Inoltre le vostre mamme saranno contente di prestarvi qualche giacca o capo spalla di una taglia in più per le occasioni più formali e sicuramente troverete nell’armadio di amiche qualche abitino impero che potrete utilizzare per qualche serata speciale.

E per fortuna la luce dei vostri occhi farà il resto: è vero che le donne in gravidanza hanno una bellezza speciale?!

Non comprate mille cose in anticipo per il nascituro, chiedete consigli agli amici e utilizzate tutto cio’ che vi possono prestare che sia in buone condizioni (quasi sempre lo sono dato che carrozzine e seggioloni alla fine si utilizzano pochi mesi; a volte i passeggini possono essere più malridotti specialmente dopo aver affrontato percorsi cittadini difficili ma ci sono dei negozi dell’usato molto convenienti). Anche per gli abitini, a parte un primo completino che vi farà piacere scegliere (e che probabilmente le nonne vorranno regalarvi; mi raccomando che sia in cotone organico!), tutto il resto lo potrete trovare presso le amiche che saranno ben contente di fare spazio negli armadi!

NASCITA

Parto: naturale o cesareo che sia (importante e’ che vada tutto bene per bimbo e mamma), poggiate subito il vostro bimbo al seno in modo da stimolare produzione di latte materno prima possibile e dargli intanto il colostro. L’allattamento al seno, oltre al risparmio di costi rispetto all’acquisto del latte in polvere, non ha imballaggi, non consuma acqua ne’ elettricita’ o gas per scaldare latte, evita acquisto di molti biberon e il processo di sterilizzazione .

PRIMI MESI

Continuate con l’allattamento materno finche’ possibile, almeno per i primi 6 mesi.  Se per esigenze di lavoro non potete essere presenti a tutte le poppate, usate il tiralatte e congelate il latte (dura 24 ore in frigo, 3 mesi in freezer).

Non fate lavaggi in lavatrice ad alte temperature e con additivi chimici: fortunatamente i ns. bambini vivono in ambienti abbastanza protetti e in ogni caso è necessario che sviluppino qualche anticorpo prima dell’inizio del nido o della scuola d’infanzia.

Per quanto riguarda i giochi, cercate di sensibilizzare amici e parenti su giochi in materiali riciclati, in cotone organico, senza batterie, libri in cartone riciclato. Inoltre fatevi regalare giochi usati e a vostra volta passateli ad amici quando il vostro bimbo non li utilizza più.

Per i pannolini, è indubbio il loro impatto ambientale: si possono scegliere quelli lavabili (ma in ogni caso occorrono lavaggi in lavatrice ad alte temperature) o forse meglio, anche in termini di praticità, quelli biodegradabili. Importante è trovare dei pannolini che siano contenitivi, altrimenti alla fine si aumentano le emissioni dovendo cambiare e lavare più tutine e lenzuolini al giorno…

Per le uscite, potete usare come marsupio una fascia in cotone organico ma soprattutto è importante uscire a piedi il piu’ possibile! Fa bene a voi per recuperare la linea (al parco preferite un andatura sostenuta, anche se dovete spingere la carrozzina), al vostro umore perche’ incontrerete gente che magari non avevate mai conosciuto nel vostro quartiere e, all’aria aperta e cullato dal movimento, il vostro cucciolo dormira’ come un angioletto!

Dato che spesso tra una poppata e un’altra si ha poco tempo, fate solo docce veloci!

Sia durante la gravidanza che durante l’allattamento, è importante un’alimentazione a km. zero per la mamma: sana e varia per migliorare la qualita’ del latte. Privilegiate la carne (possibilmente bianca) di allevamenti vicini, i latticini, verdure e frutta locali e biologici, il pesce.

Bevete, sia in gravidanza che in allattamento, acqua del rubinetto filtrata, vi consentirà di ridurre non solo gli imballaggi e la plastica ma soprattutto di non fare sforzi inutili.

Non utilizzate mille prodotti per il bagnetto del vostro bambino: un solo prodotto ipoallergenico  va benissimo e scoprirete che sarà ottimo anche per voi quando in vacanza dovrete minimizzare il beauty! Inoltre per addolcire l’acqua del bagnetto utilizzate amido di mais che trovate al supermercato, per fargli qualche massaggio, olio di mandorle, e per la protezione dagli arrossamenti, la classica crema all’ossido di zinco.

Per lo svezzamento preferite cibi a km zero anche per il vostro bimbi, non acquistate, se possibile, gli omogeneizzati ma fate tutto in casa (ci si puo’ organizzare congelando le pappe, consiglio pero’ passato senza patata che cambia sapore quando surgelata). Se lo avete già in casa, utilizzate il microonde per le preparazioni delle pappe (anche per cuocere carne da tritare): è veloce, pratico ed energicamente efficiente.

Nella scelta del nido (e poi della scuola di infanzia) state attenti ai materiali usati nell’arredamento della struttura, la formaldeide può provocare allergie e purtroppo non sono infrequenti casi in cui viene ancora utilizzata.

PRIMI ANNI DI VITA

Primo compleanno (e successivi): preparate torte e cibi fatti in casa, frullati e spremute fresche, acquistate piatti e bicchieri biodegradabili (o utilizzate stoviglie di porcellana, vetro o ceramica, almeno per gli invitati più grandi), preferite tovaglioli di carta FSC  e limitate i  regali quanto più possibile, magari segnalando agli invitati un’iniziativa benefica che avete deciso di finanziare (ad esempio un sostegno ad un ospedale per bambini o a qualche comunità locale) oppure fate una lista di libri e giochi educativi, possibilmente senza pile (esistono ad esempio automobiline alimentate col solare) che il vostro bambino apprezzerebbe.

Stimolate il vostro bambino ad imparare a camminare e a togliere il pannolino prima possibile.

Al parco evitate la zona dei trenini e delle macchinine elettriche (e in seguito dei video giochi) ma preferite altalena e scivolo. Insegnate al vostro bambino la corsa, il calcio o giochi di palla in genere: fa bene alla sua coordinazione e a voi a tenervi in forma!

Usate la bici col seggiolino omologato ma possibilmente solo sulle piste ciclabili e nei parchi, pericoloso affrontare il traffico!

E abituatelo sin da subito a prendere I mezzi pubblici, magari evitando la metropolitana o tram e autobus nelle ore di punta per questioni igieniche.

ETA’ SCOLARE

Educatelo ad una cartella green: matite di legno, temperamatite e righelli in legno o metallo, quaderni di carta riciclata, uso di carta già stampata su un lato per le brutte copie, libri usati, zaino già presente in casa da personalizzare con il vostro aiuto con un po’ di fantasia.

Feste o pomeriggi di gioco ecologici: se possibile, organizzate feste all’aria aperta, con giochi semplici come ruba bandiera, mini olimpiadi, tiro alla fune, pittura di tele riciclate da pezzi di cotone vecchio (lenzuola rotte, magliette), realizzazione di maschere con pezzi di stoffa e materiali di riciclo. I bambini hanno bisogno di poco per divertirsi…soprattutto della vostra attenzione e di esprimere la loro creatività insieme ai propri genitori. E se si organizza la festa durante il fine settimana, coinvolgere i genitori dei bimbi in qualche gara genitori/figli o in un torneo green ad hoc per i genitori in modo da stimolare anche la conoscenza reciproca tra i genitori di scuola. Occorre solo un po’ di organizzazione in anticipo e di creatività per organizzare una festa sostenibile e divertente e se non si può organizzarla all’aperto, non abbiate paura di mettere a disposizione le vostre case, anche se piccole (piuttosto invitate pochi amichetti e dettate alcune regole di comportamento per voi fondamentali), perché i bimbi si disperdono meno e sono più concentrati sul festeggiato rispetto a grandi spazi anonimi.

Per il trasporto a scuola: preferite scuole di quartiere da raggiungere a piedi o altrimenti se non avete scuole vicine, usate mezzi pubblici o bus collettivi.

Periodicamente: organizzare un gioco coi propri figli per selezionare i giochi che non usano più e regalarli ad amichetti più piccoli o ad alcune ONLUS (ospedali e comunità alloggio), ovviamente se in buono stato. Altrimenti se si sono persi alcuni pezzi o sono rotti, diventa un modo per insegnare loro la raccolta differenziata, soprattutto delle batterie!

Cibo: non sprecare cibo è molto importante ed educativo. Sicuramente occorre stimolare i bimbi a non lasciare niente nel piatto,  ma a volte capita che siano imprevedibili nel loro consumo…cucinare in dosi piccole o, se in quantità maggiore, (sugo, passato, pesto, brodo) congelare subito le porzioni in eccesso. Quando si acquista la carne o pesce, preparare pacchetti da surgelare con le dosi singole adatte al vostro bambino. Se  per caso avete acquistato il latte in quantità maggiore del vostro consumo familiare, congelatelo subito: una volta scongelato ha lo stesso sapore di quello fresco!

Quando si va al ristorante, inutile ordinare (almeno fino ai 6 o 7 anni) una pizza intera per un bambino! Purtroppo in Italia sono pochi i posti con i menu’ bimbi, per cui la cosa migliore è, se avete 2 bimbi, ordinare una pizza e farla a metà o un piatto di pasta e dividerlo, oppure condividere voi col vs. bimbo una pietanza che piace ad entrambi!

Educarli sin da subito all’uso razionale delle risorse: spegnere le luci e l’acqua mentre ci si lava i dentiti è possibile sin dai 2 anni (magari in cambio di un piccolo premio) e passare subito alla doccia quando hanno un equilibrio stabile consente anche a voi di risparmiare tempo! La cosa ideale è introdurre il rito della doccia in estate al mare e poi mantenerlo come novità una volta tornati dalle vacanze.

Le tre regole per un vivere rispettoso dell’ambiente, applicabili a tutti gli aspetti della vita quotidiana sin dalla gravidanza, sono le note “3 R”: riduci, riutilizza e ricicla.



Creare valore con il green marketing? :: Sda Bocconi :: come è andata ::2/3

Rieccoci…

Siamo alla seconda puntata, che si concentra sulle case study; alla terza, il compito di concludere con gli esiti della ricerca e l’analisi del modello di marketizzazione.

La prima tavola rotonda ha approfondito il tema “Green Transportation: il futuro dell’auto” e si è aperta con l’intervento di Andrea Valcalda, Direttore Area Business, Innovazionee Ambiente, di ENEL.

La presentazione si è concentrata dapprima sulle efficienze dei motori elettrici di gran lunga superiori a quelli a scoppio…Ebbene sì! Il motore elettrico ha un rendimento energetico medio del 90%. Questo significa che il 90% dell’energia che consuma viene utilizzato per muovere il veicolo. Un valore nettamente superiore al rendimento degli attuali motori a combustione interna, che è invece del 25%.  Ad oggi l’efficienza media del parco centrali elettriche italiane (c.d. IEN) è pari al 46% circa.

La storia racconta come Henry Ford dovesse scegliere tra un motore elettrico e una a scoppio e il suo amico John Davison Rockefeller che gli consigliò il secondo…chissà con quale interesse?

Certo rimangono i problemi legati all’autonomia e alla durata della ricarica delle batterie.

Sull’autonomia ci sono differenti studi che si stanno portando avanti, anche se pare evidente che il progresso del motore a scoppio non sia un modello da imitare (ancora oggi la tecnologia sul motore è praticamente la medesima da cent’anni) e che le compagnie automobilistiche non siano esattamente in primo piano nella ricerca.

Sul secondo punto Enel è in primo piano con un inedito progetto di implementazione e gestione di una innovativa infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici. Già nei prossimi mesi è previsto un importante Pilot Test previsto nell’accordo siglato tra Enel SpA e Daimler (progetto E-mobility Italy) che coinvolgerà sino al 2013 le tre città italiane di Roma, Milano e Pisa.

Enel sarà responsabile dello sviluppo, della creazione e del funzionamento di una infrastruttura  pubblica e privata dotata di oltre 400 punti di ricarica e del relativo sistema di controllo centrale, mentre Daimler fornirà oltre 100 Smart elettriche a Clienti privati e si farà carico della loro manutenzione. L’energia messa a disposizione da Enel SpA per le auto elettriche sarà certificata RECS (Renewable Energy Certificate System).

Vi sono poi altre opportunità legate al cosiddetto “fast charging” che permetterebbe di ricaricare l’80% delle batterie in pochi minuti (con problemi poi sulla vita totale delle batterie stesse) o al cambio di batteria, un sistema che permette di sostituire in pochi minuti le batterie (stile cambio gomme formula 1) su cui anche aziende come Google stanno investendo centinaia di milioni di dollari.

Ci sono ricerche che sostengono che nel 2020 le auto cosiddette “elettriche” varranno circa il 10% del mercato, una piccola quota; differente il parere di McKinsey che valuta questa quota intorno al 30%.

Certo è che la rivoluzione è cominciata e questo lo dimostra anche il gruppo Renault che con l’intervento di Andrea Baracco, Direttore Comunicazione Renault Italia, ha presentato la sua nuova gamma ZE (acronimo di Zero Emission).

Renault lancerà una gamma « Zero emissioni » con tre veicoli elettrici già dal 2011 e un quarto nel 2012.  Con il suo partner Nissan, Renault mira alla leadership mondiale in termini di commercializzazione di massa di veicoli a zero emissioni.

Divertente lo spot del concorso della Twizy, la city car a due posti 100% elettrica, che ti da la possibilità di scegliere tra 12 stili originali e divertenti per “vestirla” come piace a te…io ho ho partecipato!

Di particolare interesse, tra questi, il lancio del Kangoo Express che verrà commercializzato a partire dal 2011, ma ne è stato già stabilito il prezzo, circa 20.000 euro al lordo degli incentivi statali. La differenza di prezzo rispetto può essere recuperata in parte con gli incentivi e in parte con l’utilizzo: infatti, ogni 100 KM si possono risparmiare fino ad 8 euro.

La seconda tavola rotonda dal titolo “Smart Grid e Domotica: il futuro dell’energia”, ha avuto come partecipanti ABB, CISCO e ENEL.

L’intervento di Simone Lo Nostro, Responsabile Marketing Supply e Vendite Corporate, Enel Energia si è concentrato sulla leadership tecnologica detenuta dal ex monopolista a livello mondiale sulle smart-grid.

Ma cosa è una smart grid?

Ho scelto la definizione di wikipedia che mi sembra la più semplice:

Una smart grid è una rete cosiddetta “intelligente” per la distribuzione di energia elettrica. Gli eventuali surplus di energia di alcune zone vengono redistribuiti, in modo dinamico ed in tempo reale, in altre aree. Queste reti sono regolate da software di gestione. Nella smart grid viene realizzato un controllo ad Informazione.

Molti governi stanno spingendo verso la costruzione di sistemi di distribuzione e gestione intelligenti, indirizzati all’indipendenza energetica e alla lotta al riscaldamento globale. I contatori intelligenti fanno parte di queste iniziative.

Una smart grid possiede strumenti di monitoraggio intelligenti per tenere traccia di tutto il flusso elettrico del sistema, come pure strumenti per integrare energia rinnovabile nella rete. Quando il costo dell’energia diventa minore, una smart grid può decidere di attivare processi industriali oppure elettrodomestici casalinghi.

A seguire l’intervento di Danilo Ciscato, Direttore Marketing, Mediterranean Region, di CISCO il quale ha presentato le soluzioni per le utilities e per la  distribuzione di elettricità: si tratta di un’infrastruttura smart grid aperta, altamente sicura e affidabile più efficiente e sostenibile. In questi ultimi mesi sul fronte smart grid, in Cisco, vi è stata un’importante acquisizione che consentirà alle utilities di soddisfare le richieste di clienti sempre più numerosi e di gestire più fonti di energia distribuite in modo capillare sul territorio.

Qui trovate un approfondimento interessante sull’argomento, redatto da Cisco.

Infine, Antonio De Bellis, Business Unit Manager,Business Development-Smart Grid – MED Region,di ABB, che ha sottolineato il ruolo delle reti intelligenti che, in futuro, coinvolgerà circa 32 milioni di clienti.

Hanno già sviluppato parecchie partnership e soluzioni: tra queste la collaborazione con GM sulle batterie per auto elettriche, quella con Deutsche Telekom sullo sviluppo di soluzioni telefoniche intelligenti e, infine, per lo sviluppo di una vera e propria smart grid nell’area di Helsinki.

Di seguito la pubblicità della nuova smart elettrica e la visione di Cisco sulla smart grid.

xixi no banho

Oggi è il Blog Action Day, dove migliaia di blogger in oltre 130 paesi possono scrivere e richiamare l’attenzione su problemi idrici in tutto il mondo.

A quest’ora (circa mezzogiorno) sono già 33 Milioni i lettori di ben 4.500 blog che supportano il progetto. Naturalmente b2bgreen è tra questi.

La campagna web è fantastica:

Ognuno di noi può contribuire non solo aderendo e registrandosi alla campagna (un link lo trovate nelle home del blog sulla destra, oppure per i pigri qui) ma anche con azioni pratiche che vi ricordo:

  • non usare l’acqua mentre ti lavi i denti;
  • usa acqua del rubinetto al posto delle acque in bottiglia.

Altra fantastica campagna per ridurre l’acqua è quella della pipì sotto la doccia, si avete capito bene, l’idea è quella di risparmiare l’acqua del flussometro utilizzando gli scarichi della doccia.

Qui mi appoggio alla mia amica Titta Brasiliana per la traduzione: a me sembra coinvolgente e ben disegnata; certo se capissi anche ciò che dicono.

Settimana prossima vi anticipo 3 dico 3 articoli sul corso in Bocconi….buon fine settimana

auto…quale scelgo?

Oggi volevo coinvolgervi in una scelta personale.

Dopo l’esperienza aziendale, ho restituito l’auto: un benefit mica da ridere perchè includeva assicurazione e soprattutto il carburante.

Oggi la mia scelta è per un auto di medie dimensioni e che soprattutto consumi e inquini poco.

Ho trovato on line una guida delle auto più ecologiche, per taglia, redatta da Legambiente e ATA Svizzera, dove si elencano le auto più ecologiche per categoria.

Vince su tutte la nuova Prius della Toyota, l’ibrida elettrico-benzina che con soli 89 grammi di CO2 per chilometro (contro i 104 della serie precedente) battendo la concorrenza delle “cugine” Honda Insight e Civic, che scendono al quarto e settimo posto. Si aggiudica la seconda posizione la mini Toyota IQ (soli 99 grammi di CO2), prima classificata nel 2009, seguita a breve distanza dalla Nissan Pixo a Gpl (96 grammi di CO2), leggera e parsimoniosa nei consumi.

L’auto è uno status symbol: ma un auto ecologica a mio parere supera i limiti della moda, del potere di acquisto…Non potete dirmi che una Toyota Prius e una Honda insight siano belle, ma creano tendenza. Coniugano apparenza discreta e rispetto per l’ambiente.

La Toyota Prius, in particolare, è il migliore esempio di un prodotto verde cresciuto grazie alla sua adozione delle star di Hollywood: tra questi Cameron Diaz, Brad Pitt, Billy Joel.

La sua concorrente, Honda Insight, simile in quanto a design, non ha lo stesso successo commerciale, anche perchè non adottata dalle star di Hollywood… certo questo negli USA.

I taxisti di New York nel 2012 dovranno adottare solo auto ibride.

A Milano  Dal 31 dicembre 2010 per legge, potranno essere immessi in servizio solo veicoli ibridi, gpl o metano; inoltre, dal 1° settembre 2014 tutti i taxi di Milano saranno “ecologici” e avranno apposto un adesivo che identifica questa sua qualità amica dell’ambiente.

Lancio oggi il primo sondaggio del blog. Vediamo se funziona, se qualcuno mi risponde, e se riesco a coinvolgervi in questo dilemma che mi attanaglia in questi giorni: quale auto scelgo?

E voi come scegliete un auto?

ridurre, riusare e riciclare…

Ho già la r moscia, proprio alla francese, ma “3 r” non mi piacciono davvero: ho sempre navigato nei numeri pari…anche b2b è pari!

E poi è una grande fatica…riciclare significa avere la pazienza di suddividere i rifiuti, e ciò implica spazio e tempo; per il riutilizzo, poi, le nuove tecnologie e la moda, sono un grande freno; sulla riduzione, infine, il consumismo e la pubblicità rendono la pratica irrealizzabile.

Ma sui rifiuti siamo all’emergenza assoluta: anche se la “monnezza di casa” rappresenta solo l’1% dei rifiuti di una nazione.

Avete sentito parlare della Great Pacific Garbage Patch? Si tratta di un’isola di plastica più grande dell’Europa, che trasporta oltre 100 tonnellate di rifiuti. Non è visibile dal satellite, in quanto costituita principalmente da particelle sospese.

E non è la sola: ne esiste una gemella nell’Oceano Atlantico.

Cosa si può fare?

  • Il primo passo da compiere è quello di ridurre la quantità di cose che consumiamo, e cambiare il nostro abituale consumo di prodotti e di servizi ricercati;
  • il secondo è quello di trovare utilizzi proficui per i materiali di scarto;
  • il terzo è gettarli nel contenitore.

Sul libro di Rampini “Slow Economy” ho letto alcuni consigli, imparati dai cinesi:

  1. le saponette che usiamo per le mani ad un certo punto si consumano e diventano piccole. Invece di buttarle, si possono impastare in una vaschetta e farle diventare detersivo liquido, per i vestiti;
  2. per lavare i piatti usare la lavastoviglie solo a pieno carico. In alternativa lavare a mano con il bicarbonato di soda che costa la metà e lava meglio;
  3. l’acqua che si utilizza per fare il bagno e la doccia (raccolta con una tinozza) è fantastica per lavare i pavimenti;
  4. l’acqua utilizzata per bollire la pasta (nel caso dei cinesi per il riso), una volta raffreddata, è ottima per innaffiare le piante;
  5. lo yogurt scaduto si può utilizzare come lievito per la pasta: i cinesi lo usano per i ravioli;
  6. al posto dell’umidificatore elettrico si possono usare dei panni bagnati sul termosifone.

E la lista potrebbe andare avanti ancora…

Io ci voglio provare: 3 is a magic number…

il video contiene un link per utilizzare la musica nei corsi scolastici… a meno che non sia di vostro interesse, non cliccate!